Gli angeli: ministero degli angeli verso gli uomini

Ciao a tutti! Nuovo articolo della serie “Gli angeli” dedicata ad una mia cara amica che me ne ha fatto la richiesta. Oggi parleremo dell’operato degli angeli verso gli uomini. Come si relazionano con essi? Gli angeli si distinguono in: Virtù, Potenze, Principati, Arcangeli, Angeli. I Principati e gli Arcangeli sono preposti a tutta la moltitudine degli uomini, le Virtù a tutte le nature corporali, le Potenze alla custodia dei Demoni, e l’ultimo ordine, quello degli angeli, costituisce la categoria dei “custodi dei singoli uomini”. Ecco alcune prove che abbiamo di ciò nella Sacra Scrittura: Salmo 90 “Egli darà ordine ai suoi angeli di custodirti in tutti i tuoi passi. Sulle loro mani ti porteranno perchè non inciampi nella pietra il tuo piede”. Eb 1,14 “Non sono essi tutti spiriti incaricati di un ministero, inviati per servire coloro che devono entrare in possesso della salvezza?”. Mt 18,10 “Guardatevi di non disprezzare nessuno di questi piccoli, perchè vi dico che i loro angeli nei cieli vedono continuamente la faccia del Padre mio che è nei cieli”.

E’ convinzione ferma dei teologi che ogni uomo abbia il suo angelo custode, nel Catechismo Romano espressamente si legge: “Ai singoli uomini sono dati per custodia quegli spiriti celesti”. La credenza negli angeli custodi è strettamente cristiana e non di derivazione pagana, in quanto in Grecia e nell’antica Roma si stimavano gli dei antropomorfi troppo in basso, si aveva un concetto della divinità troppo in basso per pensare a degli esseri celesti intermediatori. Ed inoltre gli dei dell’Olimpo si preoccupavano troppo poco del destino dei singoli uomini per creare questo sistema di protezione.

L’angelo custode viene assegnato all’uomo al momento della nascita, finchè è un feto agisce l’angelo della madre. Questo è affermato da S. Girolamo e da S. Tommaso, ed è oggi di convinzione comune. L’angelo custode, una volta iniziata la custodia di un uomo, non l’abbandona più fino alla morte. L’angelo detesta i mali morali, considerati assolutamente ed in se stessi. L’angelo può illuminare la nostra intelligenza, non può muovere però la nostra volontà, può solo tentare di inclinarla con la persuasione. L’angelo può iniziare nell’uomo il “buon movimento”, che però solo la libera volontà potrà perseguire. Inoltre l’angelo offre a Dio le nostre preghiere ed i nostri sacrifici. Abbiamo di questo un testo esplicito in Tobia dove l’arcangelo Raffaele dice “Sappiate dunque che quando tu e Sara eravate in preghiera, io presentavo l’attestato della vostra preghiera davanti alla gloria del Signore. Cosi’ quando tu seppellivi i morti.” Nella Bibbia gli angeli proteggono gli uomini dal pericolo, come accade in Tobia, già citato, ma anche in Lot, Isacco, quando liberano san Pietro dal carcere.

E’ opinione che anche i popoli siano sotto la protezione di specifici angeli. Questa opinione si basa sui testi di Daniele. “Or in quel tempo sorgerà Michele, il gran principe, che vigila sui figli del tuo popolo”(Dn 12,1). Francesco Chiesa scrive: “Ogni Nazione ha un angelo protettore che ne ispira e ne guida lo sviluppo, ad esempio Israele ha l’arcangelo Michele” Durante i primi secoli del cristianesimo la custodia delle nazioni da parte degli angeli era universalmente ammessa.

Gli angeli psicagoni e gli angeli psicopompi

Si indica con termine “psicagono” l’angelo che accompagna l’anima all’ultimo destino. Abbiamo prova che ciò avvenga dallo stesso Gesù: Lc 16,22 “Fu portato dagli angeli nel seno di Abramo”. Nel Cantico dei Cantici si parla del modo in cui i buoni entrano in paradiso, condotti dagli angeli. Nel momento della morte, il nostro angelo custode ci conduce in Paradiso, o al giudizio, in questo caso si parla di angeli picopompi, angeli cioè che dopo aver raccolto l’anima ed averla trasportata si prendono cura di difenderla nel giudizio del Purgatorio. Ci dice sant’Agostino: “Vi sarà senza dubbio presso di te un ragguaglio dei beni e dei mali, e posta l’una e l’altra parte come su una stadera, quella di esse che ne uscirà fuori, dove si volge il peso, giudicherà l’operaio.”

Gli angeli senza dubbio si prendono cura di noi, salvandoci dai pericoli ed ispirandoci al bene, e addirittura nel momento della morte, sono i nostri avvocati di fronte a Dio, conoscendoci bene, avendo passato tutta la vita con noi. Ci amano, ci proteggono e ci difendono nel giudizio. Sono entità benevole che la Carità di Dio mette affianco a noi per aiutarci. Ci sono mille testimonianze della presenza degli angeli, in incidenti che potevano essere mortali scampati, in consolazione dell’animo che non si sà da dove provenga, in piccoli segni sovrannaturali. La presenza degli angeli è una grande benedizione nella nostra vita.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Francesco affatato ha detto:

    Ottima angelogia, per i laici e per i profani! Ottima introduzione alle meraviglie delle creazioni di Dio nostro Signore!

    "Mi piace"

    1. Grazie!! Ho letto un libro molto interessante sull’argomento 🙂

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...